• Inglese
  • Tedesco
  • Spagnolo
  • Francese
  • Italiano
  • Danese
mortero

Pavimenti industriali

mortero

Cos’è una malta?

La malta è una miscela omogenea prodotta dall’unione di sabbia, acqua e un conglomerato inorganico, che può essere calce, gesso o cemento. Questa variabilità del

Per saperne di più »

Ultimi progetti

Cos’è una malta?

La malta è una miscela omogenea prodotta dall’unione di sabbia, acqua e un conglomerato inorganico, che può essere calce, gesso o cemento.

Questa variabilità del conglomerato è ciò che dà luogo alla classificazione delle malte in base alla loro composizione, e in seguito ne discuteremo in modo approfondito.

Composizione della malta

In uno schema di base, la composizione è definita da tre elementi, anche se è importante sottolineare la possibilità di aggiungere additivi, che conferiscono particolari caratteristiche alla malta, estendendo ulteriormente le sue tipologie.  

Di seguito spiegheremo gli elementi essenziali di ogni componente:

Conglomerato

Questo è il componente chiave, in quanto ha il compito di creare la perfetta unione tra sabbia e acqua, producendo una sostanza omogenea e stabile.

Comunemente, la sua struttura è composta da particelle molto fini come una polvere, o può avere una struttura di consistenza pastosa.

Il conglomerato più comunemente usato è il cemento, seguito da calce e gesso. Uno qualsiasi di questi elementi reagendo con l’acqua (idratazione) produce la miscela della malta, allo stato plastico.

Questa acquisirà successivamente rigidità, poiché la pasta è stata depositata negli spazi interstiziali della sabbia.

Statisticamente, la quantità di collante è direttamente proporzionale al restringimento della malta.

Sabbia

A differenza del precedente, questo componente è quello con la percentuale più alta nella miscela, dal 40 all’80%.

Si tratta di un materiale minerale e granulare, che può essere calcareo o siliceo in natura e la cui dimensione massima deve essere di 4 mm.

Questo componente è la pietra angolare delle malte, la base su cui si basa l’idratazione del collante, essendo un materiale inerte, incapace di reagire chimicamente con altri composti.

La sabbia controlla il restringimento e contribuisce alla resistenza meccanica.

Acqua

Questo elemento è responsabile di fornire l’ambiente chimico favorevole all’idratazione del conglomerato, quindi è la causa principale della plasticità della malta.

La quantità di acqua nella miscela varia a seconda delle condizioni termiche, del collante, della quantità di sabbia e della consistenza prevista.

Inoltre, questa quantità è inversamente proporzionale alla resistenza meccanica della malta, ma è direttamente proporzionale al suo restringimento e la sua porosità.

L’acqua di miscelazione deve avere un pH minimo di 5, nonché basse concentrazioni di ioni solfato e cloro, carboidrati e composti organici.

Additivi

Gli additivi possono essere di natura organica o inorganica, che modificano l’entità delle caratteristiche dello stato plastico della malta. Possono essere composti liquidi (emulsioni) o in polvere.

La maggior parte di essi sono modificatori reologici o di regolazione. E la loro proporzione nella miscela di malta dipende dalla quantità di cemento, dal suo peso.

Complementarmente, ci sono alcuni composti chiamati addittivi, che configurano le caratteristiche dello stato indurito della miscela.

Esistono anche pigmenti e fibre che alterano altri aspetti della malta tradizionale.            

Tipi di malte

La classificazione più nota delle malte è quella determinata dal tipo di conglomerato.

I principali tipi di malta sono i seguenti:

Malte di cemento

Sono malte con la tipica composizione di sabbia e acqua, e il cemento funge da legante. Caratterizzato dallo sviluppo di elevate resistenze alla compressione.

La sua lavorabilità dipende, di conseguenza, dalla quantità di cemento e sabbia, per questo motivo le sabbie con tracce di limo e argille vengono solitamente utilizzate per migliorare questo aspetto della miscela, anche se questo influisce sulla sua resistenza.  

Malte di calce

È la malta tradizionale, composta da sabbia, acqua e calce, che può essere aerea o idraulica. La calce aerea è la più utilizzata, utilizzando calce bianca o calce grigia (dolomitica).

La sabbia di queste miscele svolge un ruolo molto importante, in quanto deve regolare le fessure per contrazioni della massa durante la reazione di carbonatazione.

Malta bastarda

Sono chiamate così perché derivano dalla combinazione di due conglomerati. La combinazione più utilizzata è quella che lega la calce al cemento.

Sono probabilmente il tipo di malta più efficiente, per il fatto che acquisiscono una consistenza idonea alla lavorabilità, inoltre trattengono l’acqua e il loro valore di resistenza è elevato.

Tuttavia, la magnitudine di ogni caratteristica dipende dalle dipendenze numeriche dei componenti.

Usi della malta

Da un punto di vista generale, le malte possono svolgere una funzione strutturale, quindi possono essere utilizzate nella costruzione di elementi strutturali, oppure possono svolgere funzioni murarie, fungendo da collante o riempitivo.

Inoltre, le malte possono fungere da rivestimento, essendo utilizzate come tessuti, repellenti o intonaci.

Tenendo conto di quanto detto prima, abbiamo un’altra classificazione delle malte, questa volta secondo l’uso:

  • Malte incollanti: a causa delle particolari condizioni del sistema costruttivo di cui fa parte, deve possedere particolari proprietà, quali una notevole resistenza all’assorbimento degli sforzi
  • Malte da riempimento: adatte per la muratura, queste malte di solito occupano ad esempio lo spazio delle celle delle pareti.

Un requisito è che essi devono sviluppare una buona resistenza, comparativamente simile alle precedenti malte.

  • Malte da rivestimento o intonaco: le loro funzioni sono meramente estetiche, garantendo uniformità e regolarità sulla superficie dell’elemento in questione.

La resistenza acquisisce un piano di influenza quasi nullo; il più importante è la consistenza

Articoli correlati

silica-dust

Controllo di polvere in magazzino

È chiaro che la polvere è un problema in un magazzino trafficato. In questo articolo esaminiamo esattamente perché la polvere è un problema,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *