Differenze tra un pavimento in poliuretano e un pavimento epossidico

I materiali sintetici più utilizzati nella pavimentazione di capannoni industriali, garage, centri logistici e centri commerciali sono il poliuretano e la resina epossidica.

Quando si nominano questi due tipi di pavimenti sintetici, di solito c’è molta confusione, ma occorre precisare che entrambi i tipi di pavimentazione si differenziano notevolmente nella loro natura polimerica.

Alcuni settori industriali scelgono di utilizzare un pavimento in poliuretano o uno epossidico, perché consentono la costruzione di pavimenti continui (senza la presenza di giunti di dilatazione) e offrono una finitura igienica e impermeabile.

Di solito, l’opzione migliore è posare un pavimento in calcestruzzo levigato anziché uno sintetico.

Cos’è la resina epossidica?

Anche se può sembrare che siano state sviluppate solo di recente, la verità è che le resine epossidiche esistono da più di mezzo secolo e sono una delle famiglie di plastiche più utilizzate nella fabbricazione di prodotti.

La resina epossidica è un polimero termoindurente realizzato per reazione tra monomeri (indurente e ingrediente base), che formano così un insieme polimerico. Quando questa reazione ha luogo, il risultato è un polimero duro o una plastica viscosa.

In altre parole, la resina epossidica è un liquido chiaro, dall’aspetto viscoso, che resiste a temperature fino a 100°C senza deformarsi, ed è usata soprattutto per dare un aspetto cristallino e proprietà di durezza a pavimenti e pavimentazioni. Può essere realizzata in diversi colori.

Resina Epossidica
Fonte: www.infocorrosion.com

Le caratteristiche principali della resina epossidica sono la sua alta resistenza chimica e termica, che la rende ampiamente utilizzata in molti campi, ma soprattutto nella fabbricazione di dispositivi e strumenti elettrici, rivestimenti, adesivi, vernici, ecc.

Forse il suo uso più curioso riguarda la biologia, dato che è spesso usato per realizzare preparazioni di campioni biologici da osservare al microscopio elettronico.

Cos’è il poliuretano?

Il poliuretano è composto da un insieme di piccole molecole, collegate tra loro, con un legame così forte che è quello che dà stabilità a questo materiale, oggi molto usato.

Essendo un materiale molto flessibile, può rimanere rigido o elastico, il che apre molteplici possibilità di utilizzo.

Se ci avviciniamo a questo materiale da un punto di vista più scientifico, possiamo dire che è ottenuto dalla reazione di un poliolo e un isocianato o diisocianato polimerico.

Ancora una volta, in altre parole, si tratta in definitiva di una resina utilizzata nella fabbricazione di prodotti che vengono utilizzati come sigillanti o rivestimenti

Troviamo il suo utilizzo anche nel settore dell’edilizia, per sigillare finestre, porte, tubature, riparare muri e anche come elementi decorativi. 

Se stai leggendo questo da un ufficio, la sedia su cui sei seduto probabilmente ha anche il poliuretano.

Un tipo di plastica che può essere solida o spugnosa, con cavità interne.

Esistono diversi tipi di poliuretano, ma la schiuma è la forma più comune per eccellenza, che può essere flessibile o rigida e può essere utilizzata in diversi campi.

Il poliuretano è presente in molti oggetti di uso quotidiano.

Grazie alle sue molteplici applicazioni e versatilità, può essere utilizzato per impermeabilizzare il tetto di un edificio industriale o nella ristrutturazione di edifici.

Qual è la differenza tra pavimentazione in poliuretano e resina epossidica

Esistono varie differenze tra il pavimento epossidico e il pavimento in poliuretano.

Composizione chimica

La prima differenza fra i due tipi di pavimentazione riguarda la loro composizione chimica.

Componenti

Se, invece, prestiamo attenzione alle caratteristiche, possono notare ancora più differenze.

Se la resina epossidica è sempre un prodotto bicomponente, il poliuretano può essere sia un bicomponente sia un monocomponente.

Caratteristiche differenziate

Vantaggi della resina epossidica: La resina epossidica offre alti livelli di aderenza a qualsiasi superficie, formando un rivestimento di grande fissaggio, rigidità, oltre a rendere il pavimento esteticamente bello.

Aiuta inoltre a contrastare gli effetti dannosi dell’umidità.

Problemi di resina epossidica: d’altra parte, il pavimento epossidico è altamente sensibile alla maggior parte degli agenti chimici e ambientali; principalmente radiazione UV e temperatura.

In questo articolo potete trovare i problemi associati a un pavimento epossidico.

Vantaggi del poliuretano: un pavimento in poliuretano supporta bene l’influenza dei raggi UV e dei cambiamenti termici, nonché l’attacco chimico, mantenendo quindi inalterata l’estetica della sua finitura.

Problemi del poliuretano: tuttavia, per quanto riguarda umidità, abrasione, urti e graffi, la sua resistenza diminuisce.

Per riassumere:

La pavimentazione epossidica è l’opzione preferita in termini di resistenza meccanica del calcestruzzo, ma riduce l’elasticità e la flessibilità naturale di questa struttura.

Invece, il poliuretano contribuisce a dare flessibilità al pavimento, a scapito della sua resistenza meccanica che peggiora.

Qual è il miglior rivestimento sintetico per pavimenti industriali?

Non esiste una risposta assoluta a questa domanda. Ciò dipenderà dalle esigenze del settore. Un tipo di pavimento in calcestruzzo può essere ideale per uno specifico settore, ma può non esserlo per un altro.

Grazie alle loro caratteristiche, i pavimenti in poliuretano e in resina epossidica sono in grado di soddisfare le esigenze dell’industria alimentare, poiché offrono una superficie continua, igienica e resistente.

Tuttavia, l’industria metallurgica e quella chimica preferiscono esclusivamente pavimenti in poliuretano, grazie alla loro elevata resistenza chimica e termica.

I pavimenti epossidici sono la scelta preferita dell’industria tessile, poiché presentano una superficie antiscivolo, resistente e impermeabile, che semplifica le operazioni di pulizia.

Alternativa ai rivestimenti sintetici

Il pavimento in calcestruzzo di un capannone industriale non richiede necessariamente un rivestimento sintetico per durare nel tempo, essere impermeabile e resistente, poiché sono stati sviluppati altri trattamenti chimici che migliorano le proprietà del calcestruzzo.

Al giorno d’oggi, uno dei migliori trattamenti sul mercato è offerto dal sistema BECOSAN®, che è una procedura che aumenta la densità del calcestruzzo, eliminandone la porosità. In questo modo si ottiene un pavimento con maggiore resistenza e durata, senza necessità di un rivestimento.

Sentitevi liberi di condividere i nostri contenuti

Usa questi pulsanti per condividere direttamente con un clic sul tuo social network preferito.

Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su email
Email