Tipi di carrelli elevatori

carrelli elevatori sono una parte fondamentale delle attrezzature di un’industria. Consentono di manovrare efficientemente l’insieme dei prodotti e carichi pesanti, trasportando e collocando gli stessi su scaffali o in posizioni specifiche.

Inoltre, favoriscono la sicurezza industriale, evitando che gli impiegati facciano sforzi non necessari e minimizzando dunque il rischio di incidenti e lesioni.

Quali sono i tipi di carrelli elevatori più comuni?

Nel contesto industriale, i carrelli elevatori vengono classificati secondo il tipo di motore, il meccanismo di sollevamento del carico e la distribuzione del peso.

In tal modo, esiste una classifica standard costituita da 7 sezioni di macchinari, che descriviamo qui di seguito.

Carrello elevatore sezione 1

Hanno un sistema di controbilancio sostenuto sul proprio peso. Nel processo di sollevamento di oggetti pesanti, si avvalgono di pallet o lame collocate nella parte anteriore come punto di appoggio per la distribuzione del peso.

Questo tipo di carrello elevatore è ideale per spazi interni e senza ventilazione, dato che sono privi di emissioni inquinanti.

Carrello elevatore sezione 2

Conosciuti come impilatori elettrici, sono carrelli elevatori piccoli, creati per spazi ridotti come per esempio i corridoi di capannoni industriali.

Ci sono diversi tipi di impilatori, i più conosciuti sono:

  • Impilatori sollevabili (reach trucks).
  • Carrello elevatore con piattaforma per conducente (walk behind).
  • Carrello commissionatore (order pickers).
  • Turret trucks.

Carrello elevatore sezione 3

Questa sezione corrisponde ai carrelli elevatori manuali e si caratterizzano da leve nella parte posteriore (o al centro). Non hanno la capacità meccanica di sollevare a grandi altezze.

Carrello elevatore sezione 4

Si tratta di carrelli elevatori manuali con motore a combustione interna, sistema di contrappeso e pneumatici massicci.

Carrello elevatore sezione 5

Sono praticamente identici ai precedenti, eccetto per il fatto che dispongono di pneumatici gonfiabili e rinforzati.

Carrello elevatore sezione 6

Sono carrelli elevatori grandi, costruiti per sollevare materiali su superfici con topografia irregolare. Sono usati maggiormente nell’industria agricola.

Questa sezione include veicoli come trattori e rimorchi.

Carrello elevatore sezione 7

Sono carrelli elevatori fuori strada, caratterizzati dalla loro pala caricatrice. Si utilizzano di solito su terreni accidentali e stabili.

Carrelli elevatori più usati nei capannoni industriali

Il transpallet è il carrello elevatore più utilizzato negli interni dei capannoni industriali e nei magazzini in generale, poiché la merce è collocata per facilitarne il trasporto e la movimentazione.

Il transpallet offre una varietà di meccanismi per caricare oggetti e per spostarsi. Oltre al meccanismo di sollevamento manuale tradizionale ci sono:

  • Transpallet idraulici.
  • Transpallet elettrici.

Altri tipi di carrelli elevatori di ampio uso nei capannoni industriali sono:

Carrelli elevatori controbilanciato

E’ il secondo carrello elevatore più comune nei magazzini e serve a sollevare carichi molto pesanti e voluminosi.

Questo grazie a un sistema di distribuzione del peso che bilancia il carico attraverso la parte anteriore e posteriore. Questi sono veicoli che possono avere 3 o 4 ruote.

Carrelli elevatori impilatori

E’ una macchina che consente di sollevare prodotti e materiali a grandi altezze. E’ molto frequente nei magazzini con scaffalature industriali soprattutto alti.

Gli impilatori possono essere controllati da un impiegato a piedi.

Carrelli elevatori laterali

Questa macchina è usata principalmente nei corridoi stretti dei capannoni industriali.

I morsetti si trovano sul lato del carrello elevatore e lavorano per sollevare carichi lungo o attraverso i corridoi.

Quali sono le altre macchine di uso industriale?

Un altro attrezzo molto usato nell’industria è la gruPermette di spostare carichi pesanti in maniera veloce e precisa ottimizzando l’organizzazione nei magazzini attraverso processi automatizzati.

Le gru, così come i carrelli elevatori, offrono diverse maniere e sistemi per sollevare e trasportare i carichi nei capannoni industriali. I tipi di gru più conosciuti sono:

Gru a ponte

È un sistema costituito da una trave singola o doppia che viene mobilizzata da una rotaia ed è sospesa grazie a supporti fissi nella struttura dell’edificio.

Gru a portico

Sono gru che condividono con le precedenti caratteristiche meccaniche e strutturali ma differiscono da queste ultime per i loro supporti verticali con ruote alle estremità inferiori, come i montanti mobili, che muovono e posizionano i carichi sostenuti dalla trave.

Gru girevole

Conosciute anche come gru a bandiera, sono caratterizzate da un meccanismo di rotazione che consente di muovere e collocare carichi in aree circolari.

Il suo meccanismo comprende un paranco che si muove su una trave ed è fissato a una parete o un albero.

Importanza di un pavimento in buono stato per i carrelli elevatori

Il transito di macchinari pesanti, in particolare dei carrelli elevatori, è una delle principali cause di deterioramento della pavimentazione in calcestruzzo negli edifici industriali.

A causa dell’elevato peso dei carichi trasportati dai carrelli elevatori, si producono fessurazioni nel pavimento e usura dei giunti.

Per arrestare il degrado causato dai carrelli elevatori, è essenziale eseguire riparazioni di lunga durata mediante sigillatura di giunti in pavimenti industriali.

è essenziale fare delle riparazioni durature sigillando i giunti del pavimento industriale.

Inoltre, una pavimentazione in cattive condizioni è dannosa per le operazioni del carrello elevatore, poiché queste macchine sono sensibili alle irregolarità della superficie in calcestruzzo.

In questo modo, qualsiasi crepa o dislivello del calcestruzzo, influisce sull’efficienza della movimentazione delle merci, aumentando il rischio di incidenti durante le attività industriali.

Sentitevi liberi di condividere i nostri contenuti

Usa questi pulsanti per condividere direttamente con un clic sul tuo social network preferito.

Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su email
Email