Resina per calcestruzzo stampato

Dopo aver eseguito un qualsiasi lavoro con calcestruzzo stampato sul pavimento, la prima cosa che viene in mente nell’immediato (quasi come una cosa ovvia) è l’applicazione della resina per calcestruzzo stampato.

Perché?

La resina serve a mantenere e conservare l’aspetto iniziale per molto tempo.

Non possiamo dire che un lavoro è ben fatto se non ne garantiamo la durata.

La resina è un sigillante perfetto grazie alle sue caratteristiche speciali come la resistenza agli agenti atmosferici, la resistenza all’abrasione della superficie e la facilità di installazione.

Tuttavia, prima di presentare il procedimento di applicazione delle resina per il calcestruzzo stampato, spieghiamo più in dettaglio cos’è la resina e cos’è il calcestruzzo stampato.

Cos’è il calcestruzzo stampato?

Il calcestruzzo stampato è diventato una delle alternative di pavimenti più popolari.

Tra i fattori che la rendono più peculiare c’è il suo aspetto estetico, dato che si tratta di un effetto decorativo realizzato con meccanismi di stampaggio, che conferisce al pavimento più colore e consistenza.

Cos'è il cemento stampato
Pavimenti in calcestruzzo Stampato | BECOSAN®

Grazie a queste caratteristiche estetiche, possono essere perfettamente abbinati a qualsiasi finitura di superficie nei lavori di ristrutturazione, perché assumono l’aspetto della pietra o del legno. 

“È un tipo di pavimentazione che, per un costo ridotto, ha un aspetto molto bello”

Cos’è la resina?

La resina è uno degli ultimi passi nei lavori di costruzione o di decorazione. La resina è ottenuta da alberi di conifere.

Dopo essere stata trattata, diventa un eccellente indurente e da essa si ottengono altri prodotti come la pittura o la vernice.

Inoltre, la resina è stata recentemente utilizzata per altri scopi come smalti, impermeabilizzazione, adesivi e produzione di carta.

È una sostanza davvero approvata o ricercata per dare quel tocco estetico finale a diverse creazioni.

Come applicare la resina per il calcestruzzo stampato

L’applicazione della resina per il calcestruzzo stampato non è molto difficile e può essere fatta da chiunque.

Tuttavia, devono essere eseguiti i passi giusti se vogliamo davvero che la resina garantisca la sua principale utilitàassicurare la durata e la resistenza del pavimento.

Se non si fa questa procedura correttamente, si dovrà ripeterla dall’inizio.

Ecco una ripartizione dei passi necessari per applicarla correttamente.

Preparazione

Prima di eseguire l’applicazione, ti consigliamo di assicurarti che non ci siano residui sulla superficie del calcestruzzo.

Residui?

Sì, ci spieghiamo. I residui possono essere intesi come vecchi strati di resina o polvere comune, che possono impedire alla resina di aderire correttamente, riducendo così le sue funzioni protettive e la sua durata.

Esegui quindi una pulizia approfondita e lascia la superficie pronta all’uso. Inoltre, non rischiare e lascia il pavimento ad asciugare per 2 giorni.

In questo modo, si può essere assolutamente sicuri di poter applicare la resina al calcestruzzo stampato.

Applicazione della resina

Quando siamo sicuri che è asciutto, possiamo iniziare con la sua applicazione.

Ricordiamo che la resina è una sostanza essenziale per ammorbidire e idratare il pavimento, per lasciarlo lucido e proteggerlo dalle macchie, oltre ad avere proprietà impermeabilizzanti e anche di intensificare il colore del pavimento o modificarne il tono.

Si tratta di una resina per pavimenti in calcestruzzo stampato che aderisce perfettamente al pavimento, che sia nuovo o vecchio.

Mettiamoci al lavoro

Prima dell’applicazione, agita il contenitore. Ora versa il contenuto in un grande recipiente, senza diluirlo.

Prendi un rullo o un pennello e applicalo sul pavimento, evitando gli eccessi, facendo in modo che siano strati sottili.

Tuttavia, se hai una macchina a spruzzo, il lavoro sarà molto più veloce.

La resina di solito impiega circa 2 ore per asciugarsi. Ma in ogni caso, non è consigliabile calpestare il pavimento fino a dopo 24 ore, per non lasciare segni.

Si consiglia inoltre di applicare la resina su pavimenti in calcestruzzo stampato a una temperatura compresa tra i 15 e i 25 gradi Celsius.

In breve, evita le calde giornate estive e le fredde giornate invernali.

Tipi di resine per il calcestruzzo stampato

Ci sono diversi tipi e alternative di resine: ognuna ha funzioni specifiche che influenzeranno la vostra decisione finale.

Non lo dimenticare!

Il sigillante deve essere combinato con il calcestruzzo stampato, perché la resina, a seconda di quale si sceglie, ha un uso o una funzione specifica.

Per esempio, se scegliamo una resina senza colore, possiamo solo impermeabilizzare il calcestruzzo stampato e proteggerlo.

Ma se la resina è colorata, oltre alla protezione, daremo lucentezza e tono al pavimento.

Dalla distinzione che abbiamo fatto, possiamo distinguere 2 tipi di resina.

Resina a base di solvente

Ha un aspetto spesso e trasparente. È composta da solventi organici e quindi deve essere applicata interamente a rullo per entrare in contatto con il suolo e spargerlo correttamente.

Resina a base d'acqua
Applicazione della resina a base di solvente sulla pavimentazione in calcestruzzo | Fonte: hormigonypavimento.es

Resina a base d’acqua

Come posso distinguerla dalla resina a base di solvente? Facile, la resina a base d’acqua è bianca e viene usata solo per evidenziare il colore del calcestruzzo stampato, perché lo rende più trasparente.

Resina a base d'acqua per calcestruzzo stampato
La resina a base d’acqua è bianca | Fonte: ebay.es

Il prodotto è facile da applicare, quindi un pennello sarà sufficiente.

Vantaggi dell’applicazione della resina per il calcestruzzo stampato

L’applicazione della resina ai pavimenti in calcestruzzo stampato è essenziale, non solo per garantire la loro durata, ma anche il loro aspetto estetico.

Ma in realtà, ci sono molti altri vantaggi, come:

  • Facile applicazione

L’aspetto più interessante della resina è che è molto facile da applicare, quindi non c’è bisogno di assumere professionisti.

Puoi farlo da solo, con i passi che ti abbiamo mostrato sopra.

  • Mantiene il suo aspetto originale

Può proteggere il suo aspetto originale come se fosse appena fatto per più di 6 anni.

  • Facilità di manutenzione

La resina facilita la pulizia, perché lo spessore della sostanza rende difficile che la polvere si depositi o lasci macchie. In breve, è un rivestimento molto efficace contro lo sporco.

  • Rende forte il calcestruzzo stampato

Le proprietà della resina rendono il calcestruzzo più resistente, il che lo protegge dallo sbiadimento dovuto alla neve o ai raggi ultravioletti.

In breve, è un sigillante o una vernice che fa il suo lavoro.

Vantaggi della resina rispetto al cemento stampato
Calcestruzzo stampato su lungomare | Fonte: ovacen.com
  • Risparmio sui costi

Quando applichiamo la resina al calcestruzzo, ne prolunghiamo l’estetica e la vita utile, il che riduce i costi futuri di restauro dovuti al possibile deterioramento causato dall’inevitabile esposizione ai fattori climatici.

Conclusioni

In definitiva, ciò che il lettore di questo articolo deve capire è che qualsiasi lavoro con il calcestruzzo stampato non è finito fino a quando la resina non viene applicata.

Questo è l’unico modo in cui il calcestruzzo stampato può resistere nel tempo all’esposizione alle diverse condizioni atmosferiche.

Sentitevi liberi di condividere i nostri contenuti

Usa questi pulsanti per condividere direttamente con un clic sul tuo social network preferito.

Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su email
Email