Mortero autonivelante

A cosa serve la malta autolivellante?

Le malte autolivellanti fanno parte del gruppo speciale di malte secondo la norma DIN 18550, chiamate anche malte Justacken, che presentano nella loro composizione una serie di additivi, responsabili di attribuire ad ognuna qualità eccezionali e diverse dalle altre.

D’altronde, le malte livellanti modificano positivamente la planimetria della superficie da rivestire, correggendo i difetti iniziali che potrebbe aver avuto. Le modifiche nella loro composizione le rendono un’opzione ecologica, sostituendo il cemento Portland tradizionale con anidrite.

Cosa è la malta autolivellante?

È una malta speciale, che si distingue per essere estremamente liquida. La sua composizione è simile al resto delle malte speciali, poiché consistono nell’unione di cemento o anidrite e sabbia a grana fine. La differenza si manifesta nell’integrazione di alcuni additivi, com’è prevedibile.

Gli additivi più utilizzati per creare malte autolivellanti sono i seguenti:

  • Superfluidificanti, responsabili della loro consistenza liquida.
  • Riduttori di ritiro, essenziali per il controllo della retrazione dovuta all’eccesso di acqua nella miscela.
  • Aeranti, che riguardano il miglioramento della plasticità e la riduzione della densità della miscela.
  • Modificatori di viscosità, con la funzione di impedire la decantazione degli aggregati verso il basso.

La conseguenza sfavorevole dell’uso di questi additivi è la riduzione della resistenza della malta, ottenendo un valore inferiore rispetto alle miscele convenzionali.

È giusto ricordare che il nome di queste malte è impreciso, poiché richiedono un livellamento manuale per fornire regolarità alla superficie, in questo caso venendo meno al principio di autosufficienza meccanica.

Dettagli della composizione

L’anidrite è un minerale che ha recentemente acquisito rilevanza ecologica, poiché è stato usato come sostituto del cemento Portland grazie alle sue basse emissioni inquinanti, offrendo risultati interessanti e positivi in molte sfaccettature costruttive.

I principali vantaggi dell’anidrite come legante per malta sono la generazione di spessori minimi di 2,5 cm e una grande conduttività termica. Inoltre, conserva le qualità fisico-chimiche per il livellamento della superficie.

L’anidrite è ottenuta dai residui dell’industria del fluoro, sotto forma di solfato di calcio, che deve essere adeguatamente sottoposto a una serie di reazioni per isolare il prezioso minerale.

Usi delle malte autolivellanti

Il compito principale di una malta autolivellante è migliorare la base da rivestire, garantendo continuità e uniformità su tutto il suo volume. Questa malta può essere utilizzata sia all’interno sia all’esterno e anche su pavimenti soggetti a traffico intenso.

Le malte livellanti sono utilizzate in varie aree del settore delle costruzioni, tuttavia, per definire nel dettaglio, questi sono i loro utilizzi più comuni:

  • Lavori che richiedono l’ancoraggio di bulloni per macchinari.
  • Piani di livellamento.
  • Supporto di macchinari, colonne, travi e altri elementi strutturali.
  • Riparazioni di calcestruzzo, in strutture interessate da agenti ambientali, ad esempio nitrato si potassio.

Vantaggi principali delle malte autolivellanti

In relazione ai vari utilizzi delle malte livellanti, ci sono anche notevoli vantaggi costruttivi. Tra i numerosi vantaggi abbiamo scelto i seguenti come i più importanti:

  • Ha una notevole capacità di adesione.
  • La sua resistenza meccanica e abrasiva è di grande entità.
  • È un’opzione conveniente e ha un impatto finanziario positivo, poiché riduce i tempi di esecuzione del rivestimento, il numero di lavoratori e strumenti.
  • Offre finiture di qualità ed eccellenza, generando pavimenti compatti.
  • Permette di livellare vaste aree di superficie pavimentata, grazie alla sua grande fluidità.
  • Il tempo medio di asciugatura è di 24 ore. Tuttavia, la pavimentazione può essere abilitata al traffico 4 ore dopo la posa se le condizioni ambientali di posa sono idonee.
  • Può essere applicato su una varietà di pavimenti (moquette, pavimenti in vinile, pavimenti galleggianti e altri) e condizioni ambientali.
  • È compatibile con isolamenti termoacustici e riscaldamento a pavimento.

Come vengono posate le malte autolivellanti?

Prima di procedere con la spiegazione del posizionamento di queste malte, è necessario evidenziare alcuni punti preliminari necessari per il corretto funzionamento del rivestimento:

  • È necessario pulire la superficie da rivestire. Queste devono essere sane e prive di grassi, polvere e altre sostanze che potrebbero ostacolare l’aderenza della malta.
  • La superficie deve essere soggetta a saturazione dell’acqua, ma è necessario evitare le pozzanghere.
  • Nel caso in cui le superfici metalliche debbano essere rivestite, dovranno essere accuratamente pulite per rimuovere grasso residuo, ruggine, vernice difettosa e qualsiasi altro materiale residuo.
  • La superficie deve essere dura e consistente.
  • Se si nota la presenza di crepe e fessure, queste devono essere necessariamente riparate con prodotti speciali.
  • La presenza di giunti di dilatazione deve essere rispettata.

Per la posa di malte autolivellanti tutto si riduce nei seguenti passaggi:

  • Impastare la miscela di malta, che dovrebbe raggiungere uno stato di fluido approssimativamente liquido, ma dovrebbe essere una miscela densa. Per questo è possibile utilizzare le macchine di pompaggio o la betoniera.
  • A seconda dei centimetri di spessore del rivestimento applicato, è necessario attendere un numero equivalente di giorni per eseguire le attività di finitura, che consiste nel piastrellato e nell’impermeabilizzazione della malta.

PAVIMENTO IN CEMENTO LUCIDATO, BECOSAN

Articoli correlati

Reinforced concrete slab

Lastre di cemento armato

Il calcestruzzo è un materiale da costruzione ampiamente utilizzato. Materiale necessario per la costruzione di lastre in cemento armato. La sua composizione

Fratasadora de hormigón

Calcestruzzo elicotterato | Lisciatrice per calcestruzzo

Per livellare o lisciare il calcestruzzo viene utilizzata una cazzuola elettrica, una macchina di finitura utilizzata per lisciare e livellare la superficie del calcestruzzo con una tolleranza eccezionalmente elevata.

dani garcia
Daniel Garcia

Daniel è sempre disponibile per discutere le sue necessità specifiche e può darle un’idea chiara di ciò che possiamo offrire.

Pavimenti industriali

Ultimi progetti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *