• Inglese
  • Tedesco
  • Spagnolo
  • Francese
  • Italiano
concrete densification process

Pavimenti industriali

Ultimi progetti

Sigillante per calcestruzzo, tutto quello che devi sapere

A cosa servono i sigillanti per calcestruzzo?

I sigillanti per calcestruzzo vengono applicati per proteggerlo il più possibile da danni superficiali, corrosione e macchie.

Sigilla anche i pori in superficie per ridurre l’assorbimento di acqua e sali minerali che danneggiano la superficie o formano uno strato impermeabile che impedisce la penetrazione di questi materiali.

aplicacion sellador hormigon suelo pulido
Applicazione del sigillante per calcestruzzo su pavimenti lucidati.

Le indagini delle principali autorità internazionali del calcestruzzo come l’American Concrete Institute, la Portland Cement Association e la National Ready Mix Concrete, tra gli altri, confermano che la maggior parte dei danni al calcestruzzo è attribuibile alla penetrazione dell’umidità in superficie.

La forma più diffusa di danno al calcestruzzo è l’incrostazione della superficie per congelamento o scongelamento, quando la superficie si espande e si contrae.

Altre forme comuni di danno al calcestruzzo sono la reazione alcalino-silice (ASR), l’intrusione chimica e la corrosione delle armature in acciaio nel cemento armato.

I tipi base di sigillanti per calcestruzzo

Negli ultimi decenni, i tentativi di proteggere il calcestruzzo hanno incluso sigillanti che vanno dalla cera all’olio di lino. Oggi, i sigillanti di alta qualità per calcestruzzo possono bloccare fino al 99% dell’umidità superficiale. Esistono due categorie principali di sigillanti: sigillanti topici (rivestimenti) e sigillanti penetranti (reattivi).

Sigillanti superficiali:

I sigillanti superficiali possono fornire miglioramenti visivi e protezione topica contro le macchie e le sostanze chimiche. Richiedono una superficie asciutta e pulita durante l’applicazione per ottenere l’adesione.

I sigillanti topici possono alterare il coefficiente di attrito che può causare lo scivolamento dei substrati quando sono bagnati, condizione a cui si può ovviare con l’aggiunta di materiali antiscivolo.

Sigillanti penetranti:

I sigillanti penetranti devono essere applicati su superfici asciutte e devono corrispondere correttamente alla porosità del substrato per penetrare efficacemente la superficie e reagire.

La reazione chimica lega i principi attivi all’interno del substrato che bloccano la penetrazione dei liquidi nella superficie. I sigillanti penetranti generalmente non modificano in modo significativo l’aspetto o la trazione del supporto.

Principali sostanze chimiche dei sigillanti per calcestruzzo comunemente usati

Resine acriliche:

Le resine acriliche formano una membrana filmogena sulla superficie del supporto. Disponibili sia in formulazioni a base acqua che a base solvente, sono convenienti e generalmente di facile applicazione.

Sono ben noti per l’aumento del miglioramento visivo percepito (a volte descritto come “wet look”) e possono fornire una buona protezione dai raggi UV per i substrati colorati.

Nonostante sia il più mite e meno resistente delle principali categorie di sigillanti, il prezzo e la convenienza rendono le resine acriliche una scelta popolare per il calcestruzzo decorativo come il calcestruzzo stampato e gli aggregati a vista.

Le resine acriliche sono anche comunemente usate come agenti indurenti per il calcestruzzo nuovo e molte di esse soddisfano la norma ASTM C309.

Sistemi a resina epossidica/uretano:

Anche i sistemi epossidici/uretani sono membrane filmogene.

Condividono molte delle stesse caratteristiche degli acrilici, ma i livelli di prestazione e la durata sono più elevati e proporzionalmente più costosi con requisiti di installazione più complessi.

I sistemi epossidici/uretano sono generalmente applicati solo al calcestruzzo esistente completamente indurito, anche se alcuni prodotti epossidici possono soddisfare la norma ASTM C309.

Silano:

Il silano è il più piccolo composto molecolare di sigillanti penetranti comunemente disponibili.

Chimicamente, il silano forma un legame covalente all’interno di una muratura porosa che coagula i pori superficiali.

Il silano è noto per essere idrofobo e oleorepellente e si consuma solo se la superficie del calcestruzzo è usurata. Noto per la sua bassa viscosità, il silano è spesso utilizzato per sigillare il calcestruzzo denso, come piattaforme di parcheggio, pareti in calcestruzzo e mattoni densi.

Il silano viene generalmente applicato solo al calcestruzzo esistente completamente indurito.

Silicati:

I silicati sono un altro piccolo composto molecolare che va dai silicati di litio di qualità superiore ai silicati di sodio a basso costo.

Dal punto di vista chimico, i silicati formano idrato di calcio e cristalli di silicato che possono densificare le superfici in calcestruzzo e lucidare per ottenere un aspetto lucido.

I silicati sono noti per essere idrofobi e oleofobici e si consumano solo se la superficie del calcestruzzo è usurata. Conosciuti per la loro cristallizzazione, i silicati sono spesso utilizzati per la lucidatura di pavimenti in calcestruzzo nei punti vendita al dettaglio di grande formato.

I silicati possono essere applicati su calcestruzzo nuovo ed esistente, anche se non soddisfano la norma ASTM C309 come agente indurente.

Siliconati:

I siliconati sono composti molecolari di dimensioni moderate. Dal punto di vista chimico, i silicati formano una barriera di membrana reticolante repellente all’interno della superficie di calcestruzzo poroso e di altre murature.

I silicati sono noti per essere idrofobi e oleofobici e si consumano solo se la superficie del calcestruzzo è usurata.

Conosciuti per la loro estrema idrorepellenza ed effetto antimacchia, i silicati sono spesso utilizzati per sigillare il calcestruzzo esterno come strade e vialetti, muri in pendenza, mattoni porosi e pietre porose.

I siliconati e gli organosiliconati si sono dimostrati efficaci anche come agenti indurenti per calcestruzzo nuovo e alcuni prodotti possono soddisfare la norma ASTM C309.

Silossano:

Il silossano è il più grande composto molecolare di sigillanti penetranti comunemente disponibili.

Anche se non altamente reattivo, il silossano forma chimicamente un legame all’interno di una muratura porosa che coagula i pori superficiali.

Il silossano è noto per essere idrofobico. Noto per la sua grande struttura molecolare, il silossano è spesso utilizzato per sigillare il calcestruzzo esterno, i blocchi di calcestruzzo poroso e i mattoni porosi.

Il silossano viene generalmente applicato solo al calcestruzzo esistente completamente indurito.

In breve, tutte le principali sostanze chimiche per la sigillatura del calcestruzzo possono avere applicazioni pratiche e preziose.

I sigillanti topici richiedono generalmente standard di applicazione e manutenzione più elevati, ma l’aspetto decorativo e la resistenza chimica possono renderli una scelta appropriata per molte applicazioni.

I sigillanti penetranti devono essere combinati con la porosità del supporto per una bassa manutenzione e una protezione durevole contro il gelo e lo scongelamento.

Sei un professionista del calcestruzzo lucidato? Quale sistema usi nel tuo lavoro? Comunicaci qualsiasi dubbio o suggerimento e saremo lieti di aiutarti.

Articoli correlati

Pavimentazione industriale

Al momento di progettare ciascuno degli elementi di una costruzione, è necessario considerare l’uso che questi avranno e le caratteristiche che un

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *